Share with your friends










Inviare

Arredare una mansarda ti pone di fronte a delle problematiche ben precise: le pareti sono poco sfruttabili – soprattutto in altezza – e dovrai studiare la disposizione dei mobili, facendo attenzione a ottimizzare gli spazi, ricorrendo ad arredamento su misura, non sempre semplice da realizzare. Pensa, ad esempio, a mobili bifacciali, multifunzionali (o trasformabili) e componibili.

Se hai una spiccata fantasia, non avrai problemi a trovare soluzioni creative e funzionali, che facciano della tua mansarda un’isola di relax, perfetta sia per allestire uno studio, o per ospitare i giochi dei tuoi bambini. Contrariamente, se proprio non riesci a decidere quale mobile acquistare, di quale colore dipingere le pareti o come ottimizzare lo spazio della tua mansarda, non temere: ho alcuni consigli che possono fare al caso tuo.

Ecco, in sintesi, di cosa tratterà questo articolo

  • mobili su misura e mobili “intelligenti”
  • scelta dei colori
  • sfruttare le altezze
  • suddividere gli spazi
  • illuminazione

Nel dettaglio, andiamo ad analizzare ogni singolo punto

Usa mobili su misura, bifacciali e multifunzionali

mobili su misura da soffitta

Sembrerà scontato, ma realizzare dei mobili su misura è la scelta più sensata se si ha a disposizione un budget adeguato. Il mobile perfetto per la mansarda dei tuoi sogni. I sogni, però, hanno un prezzo. E in questo caso non è irrisorio. Detto ciò, una soluzione alternativa, altrettanto saggia, può essere quella di adoperare una mobilia, che io amo definire intelligente. In due parole: bifacciale e multifunzionale.

Immagina di volere creare un angolo soggiorno, misto a una piccola zona cottura. Tutto quello che ti serve è un bel mobile a isola: un tavolo ad angolo, con relativa parete attrezzata, può dare forma alla tua mansarda e suddividere gli spazi in maniera ottimale: da un lato potrai rilassarti, guardando l’ultima partita della Champions League, con i tuoi vecchi compagni del liceo, dall’altro preparare i popcorn e altri stuzzichini, che tanto adoriamo.

Per una mansarda molto piccola, invece, sfruttare una parete specifica, come ad esempio la zona d’ingresso, può essere una soluzione creativa valida oltre che funzionale. Un mobile trasformabile che faccia sia da consolle (svuota-tasche) sia da tavolo per il centro stanza, può risolvere non pochi problemi di spazio… e di creatività! Da abbinare a delle sedie pieghevoli e appendibili. Mi raccomando, sceglile anche molto colorate: darai un tocco di gioia all’intero ambiente.

Arreda la tua mansarda… con il bianco

ottimizzare lo spazio in mansarda

La scelta dei colori, ne abbiamo già parlato, gioca un ruolo cruciale quando si parla di ottimizzare gli spazi, che siano di un appartamento o di una piccola soffitta. Colori chiari e tonalità pastello per la zona di gronda, ma più in generale abbonda con il bianco. D’altronde se i moderni interior designer progettano sempre più spesso soluzioni d’arredo bianche, un motivo deve pur esserci. Se vuoi posso suggerirtelo io; il bianco, proprio come avviene con un bel maglione, non snellisce affatto. Questo, in un’ambiente abitativo può avere un solo effetto: dare l’illusione che lo spazio sia più grande. Oltre dare un piacevole senso di pace.

Naturalmente, per non avere fin troppa pace e sentirti un po’ alienato dalla realtà, arricchisci la tua mansarda con elementi colorati come tende, quadri, tappeti e cuscini. Di regola, tieni a mente questo semplice schema:

  • i mobili e le pareti, bianche come i ceri
  • l’arredamento extra, colorato come un quadro

Sfrutta lo spazio in orizzontale

finestre per illuminare la mansarda

Hai già sfruttato lo spazio in verticale, d’altronde se hai costruito una mansarda in alto ci sei già. Purtroppo, però, lo spazio è finito, o meglio, le mansarde non sono famose per i loro soffitti alti. Ecco perché, per ottimizzare al meglio lo spazio, devi sfruttare, il più possibile, lorizzonte.

È un dato oggettivo, c’è poco da ragionare: in una mansarda – a differenza di un piano regolare – ci sarà sempre un punto più alto del soffitto, così come ci saranno uno o più punti bassi. Questo dipende, anche e soprattutto, dalla zona di gronda. Esistono mansarde che sembrano uscite dalla Contea di Tolkien, ma sfruttano ogni singolo centimetro quadrato con accuratezza, e altre che, pur essendo dei mostri da 150 mq, si perdono in orrori di design e gusto estetico.

Usa, per le zone più alte degli armadi o dei tavoli circolari. Viceversa, per utilizzare ogni singolo granello di spazio, disponi nelle zone più anguste dei mobili contenitori bassi e lunghi, come ad esempio degli scaffali expedit. Altre soluzioni possono essere: pouf, poltrone basse e quei fantastici tavolini da televisione, per serate all’insegna del cinema d’autore.

Se, invece, hai intenzione di dimenticare tuo figlio a casa, quando organizzerai il tuo prossimo viaggio all’estero (Mamma ho perso l’aereo è un cult che conoscerai sicuramente, vero?), puoi sempre optare per una mansarda dedicata al piccolo di casa. Nella zona alta, un bel letto a castello – un fratellino arriverà prima o poi – e un parco giochi, con tappeti interattivi, ceste e Lego, sparsi per il resto della stanza. Già riesco a immaginare le risa di felicità dei tuoi figli.

Suddividi gli spazi e crea zone ad hoc

allestire una zona relax in mansarda

La tua mansarda di casa è inutilizzata, o peggio ancora è diventata il rifugio di scatoloni e oggetti che non usi o di cui ignori l’esistenza? Beh, fai bene a pensare che potresti sfruttare lo spazio, adesso disorganizzato, per creare nuovi ambienti. Sì, hai letto bene, nuovi ambienti.

Puoi, infatti, sfruttare non poche soluzioni per ottenere delle zone assolutamente funzionali, proprio in mansarda. Pensa a un angolo in cui rifugiarti per una manciata di minuti, dove poterti dedicare un po’ ai tuoi interessi. L’aspetto assolutamente creativo – oltre che ostico – sta nel dovere fare i conti con pareti irregolari, più basse in corrispondenza della zona di gronda, e superfici ampie, che hanno bisogno di essere suddivise.

Razionalizzare e organizzare lo spazio in funzione delle tue esigenze è un imperativo categorico, indipendentemente dallo stile dell’arredamento. Ricaverai dei piccoli ambienti, che potrai curare nei minimi dettagli. Rendi la tua mansarda un luogo unico, e ricava spazio aggiuntivo in cui poter lavorare o – perché no – godere di un momento di relax.

Utilizza mobili in grado di suddividere lo spazio, come i mobili bifacciali, o anche i divani, e prediligi quelli di colori chiari, meglio ancora se bianchi. Doneranno alla mansarda un’atmosfera più rilassata e una sensazione di ordine. Per dividere gli ambienti ti suggerisco, inoltre, di fare attenzione alla scelta cromatica di tappezzeria, lampade, cuscini e complementi darredo. Scegli colori sobri e raffinati per un’elegante zona giorno, mentre ti consiglio di distinguere gli stessi accessori della zona relax dei tuoi figli, dove magari la colorazione predominante sarà il verde.

Questo piccolo stratagemma ti può essere utile per distinguere le zone del tuo sottotetto, senza di fatto avere una variazione nello stile di ciascuna di esse. Piuttosto, saranno i complementi d’arredo a distinguere nettamente le zone ricavate, senza la benché minima confusione. Provare per credere.

Illumina la tua mansarda con la luce delle stelle

luce naturale in mansarda

So che non è semplice illuminare una mansarda, non perderti d’animo: per avere la miglior luce possibile, ho una varietà di soluzioni, che possono garantirti la giusta illuminazione.

Partiamo dalle soluzioni che ti suggerisco di escludere. Assolutamente da evitare lampade a sospensione e lampadari, che occupano troppo spazio e risultano poco appropriati in una zona, normalmente poco ampia, come il sottotetto. Il soffitto, infatti, non ha un’altezza sufficiente per ospitare il lampadario in vetro di murano che ti ha regalato tua suocera. Strutturalmente, non è adeguato. Portalo giù in salone, piuttosto, dove, probabilmente, troverà una migliore collocazione.

Per la tua mansarda, scegli, dunque, lampade e plafoniere, che offrono un’ottima risposta alla tua necessità di ottimizzare lo spazio. In ogni caso, la migliore fonte di illuminazione per una mansarda rimangono le finestre. I finestroni ampi danno modo alla luce di penetrare nella stanza. Inoltre, di sera, regalano i più romantici dei cieli stellati – oltre essere una scelta ecologica. Ci farà risparmiare energia elettrica, senza contare l’effetto benefico che avrà su di te quella splendida finestra sul cielo.

Se non hai questa possibilità, potresti tuttavia optare per l’illuminazione con lampade a led. In commercio ne esistono di tutti i tipi, per tutti i gusti e per qualunque tipologia di ambiente tu voglia ricavare. Ti suggerisco solo di scegliere delle lampade a led gialle, piuttosto che bianche. Regalano un’atmosfera più rilassante, che di solito contraddistingue gli ambienti ricavati dal sottotetto di casa.

Arredare una mansarda: i tuoi consigli

Ti ho dato alcuni consigli su come arredare e sfruttare lo spazio nella tua mansarda, in maniera ottimale. Adesso, però, sarei curioso di leggere, anche, la tua opinione. Credo molto nel confronto e in una massima di uno dei padri del pensiero occidentale; Eraclito di Efeso scrisse che la guerra è la madre di tutte le cose. Guerra intesa come scambio di idee, un fiume in piena chiamato dialettica, che spinge da sempre l’uomo a migliorare. Digressione filosofica a parte, aspetto la tua risposta nei commenti.

→ A proposito, se hai anche una terrazza, eccoti qualche dritta su come arredarla senza spendere troppo.

Per una scala da soffitta su misura, perfetta per la tua mansarda, FGM Scale è il consulente e il fornitore che cerchi. Dai un’occhiata alle numerose soluzioni, offerte dallo store online.

Progetta la tua scala retrattile »

Share with your friends










Inviare
WordPress Image Lightbox Plugin